Vorrei andar via di qua… ma non resisto lontano da te – la trasferta di Verona

veronaLa domenica mattina di solito ci si riposa, LBC invece NO !

Sveglia ore 7:45 (praticamente prima del consueto orario settimanale) primo sguardo al cellulare e scopri di non essere stato il primo a svegliarti perchè trovi il messaggio vocale che ricorda a tutto il gruppo di non dimenticare le bottiglie di ghiaccio, preparate con cura durante la settimana e fondamentali per il raggiungimento della temperatura “perfetta”. Inutile dire che la quantità di ghiaccio presente è pari alla calotta antartica.

Riuniti, “puntuali”,più o meno con un’ora di ritardo, sistemiamo le birre nel coleman e con un nove posti scortato dalla macchina presidenziale (che a più riprese svolgerà il compito di lepre durante il viaggio) ci mettiamo in viaggio destinazione stadio Marcantonio Bentegodi di Verona.

Il nove posti questa volta si schiera con un modulo abbastanza dinamico, 3-4-3, 4-3-3, 2-5-2,  tra una sosta e l’altra c’è l’elemento di disturbo che sistematicamente viene cacciato dalla fila di sedili su cui viaggiava per sedersi in un’altra è l’unico del gruppo a ricoprire tutte le zone del nove posti ma senza dare pace al malcapitato vicino di turno.

Il viaggio è lungo  e il valido autista inizia la consultazione per le scelte musicali. La presenza in auto di un famoso DJ dovrebbe rendere questo compito semplice.

Qui magari qualcuno potrebbe pensare che una dittatura da parte dell’autista, avrebbe potuto imporre le scelte musicali. Vi sbagliate.

L’opposizione viene armata di una cassa Bluetooth alimentata con qualche pila di uranio impoverito che può benissimo sostituire l’impiato audio del nove posti (ad oggi non siamo riusciti a capire da dove è stata acquistata tale cassa, qualcuno ha anche ipotizzato, la provenienza aliena della stessa)!

Come detto prima “La lepre” presidenziale, molto più performante del nove posti, fa due volte da spola recuperando sulle strade toscane tre compagni di merende.

La presenza di qualcuno di questi sta diventando una consuetudine dei nostri viaggi verso nord.

Come sempre ad una certa ora, qui coincidente con quella di pranzo (la carenza di zuccheri potrebbe essere la causa, monitorerò nelle prossime trasferte), scatta l’ansia da prestazione dei soliti ansiosi del gruppo.

Normalmente non mi preoccupo perchè sono scene viste praticamente ogni 2 settimane, ma questa volta anche il presidente è preoccupato sulla tabella di marcia (evento molto ma molto raro, per lui gli ansiolitici sono farmaci inutili), e quindi inizio a pensare che in effetti questa volta non c’è la faremo… fortunatamente anche il preidente si sbagliava e l’arrivo a partita iniziata è rinviato alla prossima trasferta!

Arriviamo nel settore ospiti e come sempre posizionati con la nostra bandiera cantiamo insieme con tutti gli altri per sostenere la nostra squadra. Nell’intervallo scatta l’assalto al bar perchè la gola dopo 45 minuti di lavoro, rimasta a secco, reclama la sua quaota di birra.

Tra gli amici c’è sempre la genorosità di offrire un goccio a chi magari si trova di fianco (per educazione !) . Gesto questo, che manifesta l’unità, la fratellanza, la generosità del gruppo. Di solito il vicino non fa complimenti e accetta molto velentiri un sorso si birra fresca….

… bicchiere di birra quasi pieno passato sfortunatamente a un noto personaggio del gruppo, facilmente distinguibile grazie alla sua borsa circolare del FC Bari 1908, questo, ricevuto il bicchiere lo finisce quasi in un unico sorso lasciando a bocca asciutta il malcapitato proprietario. Qui la questione purtroppo è interpretativa, a quanto corrisponde un sorso di birra? Dipende da chi beve !

Suggerirei di brevettare una unità di misura che disciplini una volta per tutte la quantità di cl a cui ammonta il sorso di birra. Certo non corrisponde ad una pinta.

La partita purtroppo non finisce come tutti noi avremmo voluto, vincono loro, ma noi come al solito vinciamo sugli spalti !

Ti seguo sempre, anche se perdi sempre non fa niente!!!!!!!

Vorrei andar via di qua… ma non resisto lontano da te – la trasferta di Verona
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *