Trasferta a Chiavari

Si presenta ostica la trasferta di Chiavari, per tre motivi. Poco tempo per organizzare, 1000 km e le avverse condizioni atmosferiche.

I partecipanti, “solo 5”: Prof, Vamp, Jim, Papa e Pres …MACCHINA PESANTE
La squadra è concentrata così tanto che per la prima volta alle 8.15 tutti puntuali e pronti a partire. Giusto il tempo di “rompere il ghiaccio” con la lunga giornata e prendere confidenza con la prima birra, alla fine se ne conteranno 64.
20160307013554Il grande freddo e la pioggia che ci accompagnerà per tutto il viaggio non impedirà all’AUDI FRECCIANERA di abbattere tutti i record.
Come già detto in precedenza la squadra è concentrata e la prima sosta verrà fatta solo ad Arezzo. Sono solo lontani ricordi le numerose e interminabili soste. Nella città toscana, per ingannare il tempo, nell’attesa del collezionista, si inizia a banchettare.
Anche qui si capisce subito che c’è aria nuova.
Porchetta, omelette, pizza rustica, panini alla mortadella e finger food di tiramisù. BUSINESS KLAS.

Il viaggio di andata tra tante risate, birre e tanto altro e’ stato caratterizzato dall’ansia da prestazione relativa ai temuti voti trasferta da parte del vamp, componente abbastanza indisciplinato.
Il risultato sul campo come spesso accade al nostro Bari e’ stato nefasto ma La Bari Capitale si e’ difesa bene sia a livello di tifo, sia a livello di gruppo.
A trasferta conclusa considerando il risultato e l’ennesima cattiva prestazione della squadra, il tempo piovoso, le tante birre bevute e soprattutto l’abnorme quantita’ di cibo mangiato un dubbio permane: “andiamo in trasferta per la squadra o per mangiare a scrocco?”

Trasferta a Chiavari
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *